Mettetela così: da oggi, nell’internette, c’è un nuovo sito che parla di videogiochi. Potrebbe sembrare una cazzata fuori scala, visto e considerato che oramai la rete è piena di testate super rodate che buttano fuori recensioni, articoli e balle varie alla velocità con cui si riproduce un coniglio: potrebbe, anzi forse lo è quasi sicuramente. Non perché i vostri amici di Bozos siano dei mentecatti che non sanno coniugare un congiuntivo (ehm…) o non capiscono una mazza di videogiochi (ehm…), ma perché mai voi poveri lettori dovreste affezionarvi ad un sito il cui nome, stringi stringi, è una versione slang per dire “perfetti deficienti”?

ozosIl motivo è presto detto: Bozos.it è un sito diverso da tutti gli altri. Innanzitutto perché nasce in poco più di due pause pranzo cazzeggiando brutalmente su WordPress, cercando un tema per tutt’altri scopi e “Ma sai che ci starebbe bene per un sitarello stronzo di giochini?“. Poi, e soprattutto, perché Bozos sta alla “stampa specialistica” come Rocco Siffredi sta all’Atto di Dolore: qualsiasi cosa leggerete qui dentro sarà molto probabilmente scorretta, rancorosa e scritta male. Davvero male. Con tante parolacce, per capirci, zero giri di parole insulsi e senza manco l’ombra di prosopopee chilometriche che ve ce vogliono due ore per leggere una recensione. Che se poi siete in ufficio e state troppo tempo al PC poi il vostro capo s’incazza e stasera col cazzo che tornate a casa presto per giocare con la Pleistescion.

Bozos.it nasce (e probabilmente morirà presto, ma questo dipende anche da voi) con un’idea chiara in testa: parlare ad un pubblico adulto che “non c’ha voglia“. Quelli scazzati, che c’hanno sempre troppa fretta anche solo per andare al cesso e troppo poco tempo per capire se un giochino è ganzo o no. Quelli da sigaretta e birra al bar, dai, che chiedono un commento a bruciapelo senza tanti fronzoli per decidere se spendere sti 60 e rotti euro per il nuovo feticcio di turno o, piuttosto, aumentare il fondo personale per la cirrosi epatica. E, cosa più importante, quelli che cercano un posticino tranquillo senza bambini mestruati che insultano le madri facendo la gara a chi ha il pisellino con più pixel, dove leggere a scazzo (e quando je pare, tanto qua saremo puntuali come gli aumenti di stipendio) qualche riga facendosi pure mezza risata.

Siete vecchi, odiate gli esseri umani ma amate i videogiochi? Cercate un sito bruttino, dove si parla delle stesse cose di cui l’internet è piena ma tutto è scritto in modo decisamente peggiore? Benissimo, allora avete trovato una nuova casa. Da oggi anche voi siete dei Bozos, insomma. Le nostre condoglianze.

 

4 Risposte

  1. Py

    Mi piace! Dovrebbero darti le chiavi dell’internet in modo da renderla integralmente un posto pieno di migliori cazzate peggiori!!!

    Rispondi
    • Alberto Destro
      Alberto Destro

      Grazie Py, così però mi fai emozionare … vedremo di fare il nostro meglio dai. Però intanto stima profonda per la tua preziosa immagine profilo 😀 !!!

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata